Archivi

Quota sociale annuale e donazioni

La quota sociale è di € 25,00 mentre e' possibile fare una libera donazione all'Associazione per meglio sostenere la sua attività. Cliccare qui per informazioni su come effettuare il versamento
Importante: Gli iscritti per la prima volta all'Assoc. World SF Italia nell'ultimo quadrimestre (settembre-dicembre) di ogni anno, risulteranno iscritti anche per l'anno seguente.

Italian Sword&Sorcery aderisce a CulturaIdentità

Condividiamo la seguente notizia del nostro associato Francesco La Manno:
Sono orgoglioso di comunicare che l’Associazione Culturale Italian Sword&Sorcery aderisce a CulturaIdentità, associazione fondata da Edoardo Sylos Labini che ha come obiettivo precipuo di valorizzare il patrimonio culturale e artistico italiano attraverso manifestazioni, convegni, riviste e social network.
Ritengo che questa sia un’ottima opportunità per diffondere lo sword and sorcery, la fantasia eroica mediterranea e comunque la narrativa fantastica in ambiti che non sono legati strettamente alla speculative fiction e per farci conoscere anche da coloro che sino a oggi sono rimasti in disparte…
“. Cliccare qui per leggere la notizia completa.

SpaceCon Two, ecco i 4 super ospiti.

Carla Romanelli, Valerie Leon, Gianni Garko e Orso Maria Guerrini. Saranno quattro i super ospiti della SpaceCon Two, evento dedicato al fantastico mondo di Spazio 1999, Ufo e più in generale alla science fiction televisiva e cinematografica. La convention, organizzata dal Club Moonbase ’99, si terrà venerdì 13, sabato 14 e domenica 15 settembre 2019 negli eleganti spazi dell’Hotel RHM Modena Des Arts (via Luigi Settembrini,10-località Baggiovara) alle porte di Modena. Scrivevamo sopra degli ospiti che renderanno singolare e coinvolgente la convention 2019. Ed è proprio così, infatti tutti e quattro gli attori hanno partecipato a episodi delle due serie televisive andersoniane: Carla Romanelli nel ‘Cervello spaziale’ interpretava la giovane e bella Melita; Valerie Leon una misteriosa e affascinante bellezza nell’episodio ‘Il pianeta di ghiaccio’, Gianni Garko partecipò a …continua a leggere

Riccardo Rosati… dalla katana al revolver

Riccardo Rosati da anni si occupa del genere fantastico e del cinema in generale… ma non solo: è saggista, scrittore, esperto di cinema, narratore, studioso… insomma, il Nostro ha tante sfaccettature, ma soprattutto ama il cinema e la letteratura con grande passione e con grande passionalità, cosa che si riflette in tutto quello che fa. Autore di testi di testi importanti come “Lo schermo immaginario” e “Dalla katana al revolver – Kurosawa e Leone a confronto”, ha in serbo grandi novità per il futuro. A seguire, cliccando qui, l’intervista rilasciata al socio Davide Longoni per “La Zona Morta”.

Roberta Guardascione e la sf illustrata

RobertaSe uno scrittore scrupoloso come Vanni Mongini le ha affidato il compito di realizzare la copertina e le pagine interne del suo ultimo romanzo ‘L’uomo che odiava le nuvole’ (Ed. Scudo) un valido motivo ci sarà. L’artista in questione è Roberta Guardascione, nata a Firenze ma che vive a Napoli. E nella città partenopea ha svolto gli studi all’Istituto d’Arte ‘Umberto Boccioni’ per terminarli all’Accademia di Belle Arti.
Attualmente collabora con varie case editrici svolgendo il suo lavoro con particolare riferimento al mondo del fantastico, spaziando nell’horror e soprattutto nella fantascienza, genere che predilige. E proprio riferendosi all’ultimo testo …continua a leggere

Trent’anni di incantevoli incubi di Gianpaolo Roselli

La prima volta che mi capitò tra le mani un fumetto di Dylan Dog fu Locandina Petruzzelli Dylan Dog durante la gita di seconda media. Nel pullman un mio compagno di classe, sedutosi accanto a me, portava con sé due albi. Li ricordo perfettamente: il numero 45 Goblin e il numero 79 La Fata del Male.
Durante il viaggio me li feci prestare. Scoprii così l’esistenza di un fumetto diverso, distante anni luce dalla Disney, mondo entro il quale era stato confinata la mia idea di fumetto.
All’epoca ero un ragazzino che da lì a poco sarebbe entrato in quel disastroso vortice di incubi, trasformazioni e disagi che è l’adolescenza. Ero uno di quelli bravi, con una tradizionale educazione cattolica anche se, d’altro canto, un piccolo demone riposava …continua a leggere