Archivi

Quota sociale annuale e donazioni

La quota sociale è di € 15,00 mentre e' possibile fare una libera donazione all'Associazione per meglio sostenere la sua attività. Cliccare qui per informazioni su come effettuare il versamento

Gloriosi bastardi” recensita da Bruno de Filippis

Non è agevole, per un lettore tradizionale come me, ritrovarsi in un libro come “Gloriosi bastardi“(*), tuffarsi, senza particolare preparazione, in uno scenario oscuro, connotato da un persistente senso di paura e orrore, nel quale si incrociano spade e stregoneria e che si presenta tinto di dark e di comic, fantasy romanticizzato e distopia, ma poi qualcosa viene in aiuto e personaggi strani cominciano a diventare familiari. Un uomo-tasso ti fa trepidare per i pericoli che corre e l’antieroe che rappresenta, una fanciulla bellissima ti conquista e ti fa desiderare di conoscere il seguito delle sue avventure, un cavaliere ti intriga interpretando una sua particolare partita a scacchi.
Il libro è un puzzle, nel quale la storia si disvela lentamente e il lettore attento immagina un collegamento tra i tasselli via via inseriti nella parete est del pannello e quelli della parte ovest o sud e, proseguendo la lettura, trova conferma della sua intuizione nei capitoli finali, quando l’immagine viene scoperta integralmente. “Gloriosi bastardi” è una visione vivida, i cui tentacoli si spingono al di là dei limiti dell’universo e della vita; è una storia appetibile, scritta da penne che, sin dalle prime battute sanno dare forma concreta ai personaggi e ai paesaggi che essi attraversano; è un viaggio da incubo, attraverso le peggiori paure, vissuto da protagonisti che scivolano impunemente in esse; è la rappresentazione di uno scenario onirico, sapientemente costruito da grandi capacità di immaginare e spaziare tra forme, colori e odori ignoti. Può considerarsi una raffigurazione del futuro o una spiegazione filosofica dei mondi, chiusi in una statua come in una nave in bottiglia, una storia narrata con un linguaggio a volte aspro, ma adeguato alle immagini e ai contenuti che esprime.
Il libro è paragonabile a un videogioco, nel quale il giocatore può piacevolmente interagire e la sua trama potrebbe divenirne la base, adattandosi a una grafica sofisticata e a un prodotto di successo. Ha un ritmo incalzante, nel quale gli avvenimenti si sovrappongono senza tirare il fiato.
Buona lettura e fatemi sapere se anche per voi, come per me, la preferita sarà Gormlada di Valmoria e se lo stile narrativo Show don’t tell consentirà di vedere schiudersi davanti a voi la scena, attraverso l’azione, più di quanto spiegazione e dialoghi potrebbero fare.

(*) “Gloriosi Bastardi” di Sergio Mastrillo, Riccardo Vezza e Salvatore Vita edizioni Delos Store.

I commenti sono chiusi.